Crest

From FountainPen
Revision as of 21:31, 20 September 2019 by Piccardi (talk | contribs)
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)
Jump to: navigation, search
Una Crest

Storia

Pubblicità del 1937, con la versione del primo anno

Il modello chiamato usualmente Crest venne introdotto dalla Sheaffer nel 1937 come modello 47, anche se l'uso di questo nome è successivo e sembra non comparire nei cataloghi fino al 1940. Il modello è caratterizzato dalla combinazione di un cappuccio metallico con un corpo in celluloide. La combinazione stilistica ebbe un notevole successo e venne ripresa da altri modelli analoghi prodotti da altre marche, come la Imperial Vacumatic della Parker o le Montblanc 64x, e può essere considerata come il precursore di una tendenza stilistica che vede il corpo della penna in plastica ed il cappuccio in metallo che si andrà ad affermare pienamente solo negli anni successivi, in particolare dopo il lancio della Parker 51.

I modelli Crest prodotti il primo anno, come mostrato nella pubblicità a lato, sono caratterizzati da un cappuccio che si avvita sulla filettatura praticata sulla parte terminale del blocco pennino, prodotti sia con cappuccio in metallo laminato oro che in argento. La penna era inserita nella produzione di fascia più alta con un prezzo di vendita, per la versione con cappuccio in metallo, di 13,75$ (e marcata perciò come 1375). Intorno al 1940 vennero introdotti anche le versioni Crest Masterpiece (modello 3500, al prezzo di 35.00$) con cappuccio in oro 14 carati liscio o rigato e la Crest Masterpiece Honor sempre con cappuccio in oro decorato con una incisione (modello 4250, al prezzo di 42.50$).

Nel 1942, con l'introduzione della nuova serie Triumph anche il modello Crest venne completamente ristilizzato. In questo caso più che di un modello a se stante si può iniziare a parlare della nuova Crest come una delle possibili versioni, quella con il cappuccio in metallo laminato oro, della nuova linea di penne caratterizzate dal peculiare pennino conico, che abbiamo deciso di indicare genericamente come Triumph Pen. La Crest infatti non verrà più realizzata con il classico pennino aperto del modello originario. Inoltre intorno al 1943 la forma del cappuccio verrà leggermente arrotondata, con uno stile che verrà mantenuto fino al 1959. La nuova versione era venduta ad un prezzo di 15.00$ (e marcata pertanto come 1500).

Non si può propriamente parlare di una dismissione del modello in quanto dopo il 1942 il nome Crest non viene più usato per un modello a se stante, ma per una versione specifica di altri modelli, se pertanto si intende per la presenza di un modello specifico si deve indicare tale data, se si intente la dismissione di una versione con questo nome occorre andare molto più in là e non essendo nota una data precisa assumeremo arbitrariamente, ai soli fini della gestione della cronologia, il 1965 come indicativo della metà degli anni '60.

Caratteristiche tecniche

La più rilevante caratteristica tecnica delle Crest è la realizzazione del cappuccio totalmente in metallo; fino ad allora infatti (eccezion fatta per le Wahl Engine Turned, che però erano interamente di metallo) il metallo veniva usato come rivestimento. Molto particolare è inoltre la chiusura a vite del cappuccio, con la filettatura realizzata sul bordo esterno del gruppo pennino, per la quale l'azienda aveva depositato uno specifico brevetto (nº US-2274470).

Con la ristilizzazione del 1942, la filettatura venne riportata sulla giunzione fra il corpo ed il gruppo pennino, tramite l'uso di un anello metallico posto fra queste due parti. In questo modo si garantiva una maggiore robustezza e resistenza all'usura. Altra caratteristica di questa "seconda serie" è l'uso del pennino conico. Le prime versioni avevano sia il corpo che la giunzione in celluloide dello stesso colore, sulle versioni successive la giunzione era nera.

Materiali

La produzione iniziale era realizzata con il corpo in celluloide ed il cappuccio in metallo laminato oro o in argento. A partire dal 1940 il cappuccio in argento non compare più nei cataloghi, mentre viene pubblicizzata una Crest Masterpiece (quotata 35.00$) con cappuccio in oro 14 carati liscio o rigato, ed una Crest Masterpiece Honor sempre con cappuccio in oro ma inciso (quotata 42.50$).

Sistema di riempimento

I primi modelli vennero realizzati sia con caricamento a levetta con finestrella per la visualizzazione dell'inchiostro che con caricamento a siringa rovesciata. Le versioni successive, o meglio i modelli che in seguito ebbero varianti denominate Crest, assunsero i rispettivi sistemi di caricamento.

Versioni

Pubblicità del 1945 per un modello Crest Triumph

I primi modelli della Crest, oltre che per la filettatura sulla punta estrema della sezione pennino, sono caratterizzati dalla presenza di una clip liscia, con una forma molto affusolata sulla parte superiore ed una parte terminale a semisfera. Inoltre il White dot verrà posto sul corpo della penna, in posizione semi-centrale più ravvicinata verso la giunzione con il gruppo pennino.

Esistono diverse lavorazioni del cappuccio metallico: la ordinaria prevede delle serie di quattro linee abbastanza spesse e distanziate sfalsate a rialzarsi sul fondo del cappuccio; la più rara versione detta Empire prevede decorazioni a gruppi di sette linee sottili molto vicine fra loro, piatte sul fondo del cappuccio, e sfalsate a formare una guglia.

Colori

La prima serie del 1937 venne realizzata nei colori nero e marrone striato per la versione con cappuccio laminato in oro ed in grigio striato per la versione con il cappuccio in argento. A partire dal 1940 la versione con cappuccio in argento non viene più mostrata nei cataloghi, e rimasero le versioni con cappuccio dorato o in oro, sempre nei colori nero o marrone striato.

Pennini

Dimensioni

Versione Lunghezza Altre dimensioni / Descrizione
1350 5 3/8" ? come è fatta
1500 5 3/8" come è fatta

Cronologia

Anno Avvenimento
1937 l'azienda introduce il modello 47, in seguito denominato Crest
1942 l'azienda introduce il pennino conico Triumph Nib
1946 l'azienda introduce le prime penne a sfera
1949 l'azienda introduce il caricamento Touch Down
1963 l'azienda dismette il logo "Sheaffer'S"

Riferimenti esterni

  • [1] Pagina della penna su PenHero.

Note

Materiale disponibile