Conway 700

From FountainPen
Jump to: navigation, search

Storia

Il modello Ink Visible 700 venne introdotto sul mercato dalla Conway Stewart all'incirca nel 1938.[1] Il modello venne dismesso all'incirca nel 1940.

Caratteristiche tecniche

Si tratta di penne che per la produzione ordinaria della ditta sono atipiche, essendo dotate di caricamento a stantuffo. Il cappuccio è con chiusura a vite, il fermaglio è con montaggio ad anello tenuto in posizione dalla testa del cappuccio (analogo al montaggio della Duofold).

Materiali

La penna era realizzata in celluloide. Il corpo ed il cappuccio sono in genere colorati ed in tal caso il corpo è semitrasparente, ma la testa del cappuccio è in celluloide nera. Clip e levetta sono in metallo dorato. Il pennino è in oro a 14 carati.

Sistema di riempimento

La penna è dotata di caricamento a stantuffo che è fuori dall'ordinario rispetto alla normale produzione dell'azienda.

Versioni

Il modello[2] non presenta verette sul cappuccio, ed è dotato di un fermaglio con terminazione a diamante, con un rombo nella parte alta recante la stampigliatura delle iniziali "CS". Il fermaglio è montato ad un anello sul cappuccio con una testina di colore nero a cima tronco-conica. Il fusto è cilindrico, leggermente affusolato sul posteriore, con il fondello del meccanismo nero. Le penne riportano la stampigliatura con la scritta «Ink visible The Conway Stewart».

Colori

Per questo modello noti i seguenti colori:[3] Green hatched, Blue hatched, Black hatched (veretta singola), Burgundy hatched.

Pennini

Il modello monta pennini marcati «Conway Stewart» con la scritta su due righe, in oro a 14 carati (marcatura 14 ct gold) misura 1.

Dimensioni

Versione Lunghezza Altre dimensioni / Descrizione
700 12.7 cm cappuccio: 5.5 cm, corpo + sezione: 10.5 cm

Cronologia

Riferimenti esterni

  • [1] Paragrafo dal sito di Jonathan Donahaye
  • [2] Paragrafo dal sito Penultimate

Note

  1. le informazioni sulle date sono prese dal sito di Jonathan Donahaye e coincidono con quelle riportata su Penultimate, la datazione è attribuita a Steve Hull ma non è specificato come è stata stabilita.
  2. quando non indicato diversamente le informazioni relative a questo modello provengono dal sito di Jonathan Donahaye segnalato nei riferimenti.
  3. si sono utilizzate le denominazioni trovate sul sito di Jonathan Donahaye segnalato nei riferimenti.

Materiale disponibile