Difference between revisions of "The Carter Pen"

From FountainPen
Jump to: navigation, search
 
(2 intermediate revisions by the same user not shown)
Line 34: Line 34:
  
 
{{CronoModello|The Carter Pen}}
 
{{CronoModello|The Carter Pen}}
 +
 
== Riferimenti esterni ==
 
== Riferimenti esterni ==
* http://www.richardspens.com/?page=coll/col_20.htm
+
* [http://www.richardspens.com/?page=coll/col_20.htm] Pagina sul sito di Richard Binder
 +
 
 
== Note ==
 
== Note ==
 
<references/>
 
<references/>

Latest revision as of 23:28, 10 November 2019

Storia

Nel 1924 circa, ma la data non è sicura e alcuni riportano il 1926, la Carter entrò nel mercato della stilografica con una serie di modelli Flat top in ebanite, che vengono normalmente classificati sotto questo nome.

Non è nota una data di terminazione precisa, assumeremo il 1927, facendo riferimento all'introduzione della celluloide, ma l'assunzione è totalmente arbitraria, senza alcun riscontro fattuale ed eseguita ai soli fini della gestione della cronologia.

Caratteristiche tecniche

Le penne ereditano le caratteristiche della produzione della Laughlin dalla quale si suppone siano derivate, e fanno uso dei brevetti della De Witt-La France sia per il meccanismo del caricamento, sia per il particolare fermaglio a molla (brevetto nº US-1350412).

Materiali

Si sono classificate queste penne, distinguendole dalla produzione successiva delle

Sistema di riempimento

I modelli erano equipaggiati di un sistema di caricamento a levetta particolare, basato sui brevetti della De Witt-La France in cui la levetta viene vincolata verticalmente da una sorta di guinzaglio.

Versioni

Colori

Finiture

Pennini

Dimensioni

Versione Lunghezza Altre dimensioni / Descrizione
 ? 1x.x cm 1x mm il cappuccio, 11mm il corpo

Cronologia

Anno Avvenimento
1924 l'azienda inizia la produzione di stilografiche
1926 l'azienda introduce le The Carter Pen le prime stilografiche a marchio proprio
1927 l'azienda converte la produzione alla celluloide

Riferimenti esterni

  • [1] Pagina sul sito di Richard Binder

Note

Materiale disponibile