Impero

From FountainPen
Revision as of 01:25, 14 January 2015 by Piccardi (talk | contribs)
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)
Jump to: navigation, search

Storia

La Tibaldi introdusse la Impero verso la fine degli anni '30 (indicativamente il 1938), come linea di punta della sua produzione, a cui venne affiancata la linea Lusso per la fascia intermedia. Inizialmente le penne vennero prodotte in due versioni, denominate rispettivamente Poligonale e Trasparente. La Poligonale, con corpo sfaccettato è presumibilmente rimasta in produzione per un brevissimo periodo di tempo ed è sostanzialmente introvabile. La Trasparente, con corpo tondo, è invece rimasta in produzione per tutti gli anni '40,[1] venendo ristilizzata nel dopoguerra e diventando in sostanza una serie a parte.

Caratteristiche tecniche

Le penne di questa serie sono dotate di un particolare sistema di caricamento a depressione. Altra caratteristica distintiva è l'utilizzo di celluloide trasparente per la visualizzazione del livello di inchiostro, probabilmente fra le più belle di quelle usate nella produzione di stilografiche. Il cappuccio è con chiusura a vite.

Materiali

Le penne di questa serie sono realizzate in celluloide. Le finiture ed il fermaglio sono in metallo laminato oro, il pennino in oro a 14 carati. Sono note anche versioni autarchiche con finiture in metallo cromato e pennino in acciaio.

Sistema di riempimento

Le penne di questa serie sono dotate di un particolare caricamento a depressione concettualmente simile a quello della Vacumatic. A differenza di questa però la depressione viene realizzata svitando il fondello che si trasforma in un pulsante che va ad eseguire lo spostamento del diaframma. Il sistema è sofisticato e piuttosto macchinoso, oltre che molto delicato, per questo queste penne sono considerata piuttosto difficili da riparare.

Versioni

Le penne di questa serie vennero prodotte in due sole dimensioni, grande e media. Venne adottata una nuova clip a forma di cravatta, con decorazioni metalliche con inserti sia sul cappuccio che sul fondello svitabile. Il cappuccio era decorato con tre sottili anellini. Sul corpo era riportata la dicitura Tibaldi in corsivo e sovrastante la dicitura trasparente in maiuscolo, incise longitudinalmente su due righe. Altre versioni riportano solo la scritta Tibaldi in corsivo.

Colori

Le penne di questa serie si distinguono per delle bellissime colorazioni di celluloide anellata o marmorizzata semitrasparente, con colori in blu, verde e rosso. Anche le versioni in celluloide nera sono realizzate con sezioni trasparenti di colorazione rossa o gialla fra spirali di nero.

Pennini

Il pennino era a foro circolare, in oro 14 carati, con la dicitura Tibaldi Extra in corsivo su due righe, sovrastante il marchio della caratura incluso in un rombo orizzontale. Le versioni autarchiche erano dotate di pennino in acciaio marcato Tibaldi Iridal.

Dimensioni

Versione Lunghezza Altre dimensioni / Descrizione
Grande XX" ? XX il corpo, XX il cappuccio
Media XX" ? XX il corpo, XX il cappuccio


Cronologia

Anno Avvenimento
1938 l'azienda introduce le Impero (data indicativa, si fa riferimento alla fine degli anni '30)

Riferimenti esterni

  • nessuno, per ora

Note

  1. si assumerà arbitrariamente, ai soli fini della gestione della cronologia, il 1945 come data di dismissione.

Materiale disponibile