Sleeve filler

From FountainPen
Revision as of 23:16, 19 August 2019 by Piccardi (talk | contribs) (Creata pagina con "The ''sleeve filler'', also called ''thumb filler'', is one of the many filling systems experimented at the beginning of '900, in particular it was adopted by Holland arou...")
Jump to: navigation, search

The sleeve filler, also called thumb filler, is one of the many filling systems experimented at the beginning of '900, in particular it was adopted by Holland around 1905 and by Waterman that used it from 1910 to 1915. This loading system is based on the displacement of a sleeve that wraps the barrel of the pen to hide a large opening made on one side of it. Moving the sleeve, which protects the opening, gives direct access to the pressure bar (on which a relief button was usually mounted at the opening), which can be so pressed using the fingertips.

Schema di una penna con caricamento sleeve filler

La presenza del manicotto che fascia il fusto in corrispondenza all'apertura rende però non uniformi le dimensioni del corpo della penna, che quindi risultano spesso poco gradevoli dal punto di vista estetico. Inoltre si aumenta di molto la complessità meccanica della penna e la sua fragilità generale, essendo le penne di quel periodo realizzate in ebanite, materiale non particolarmente resistente agli sforzi meccanici. Per questo motivo questo sistema di caricamento ebbe una diffusione ridotta ed venne ben presto abbandonato.

Una seconda versione di questo sistema di caricamento, molto più sofisticata, venne adottata dalla LeBoeuf nel 1930. In questo caso non si aveva un manicotto, ma era l'intero fusto della penna (realizzato stavolta in celluloide) che poteva venire sganciato dal gruppo pennino, andando a scorrere su un cilindro interno realizzato in metallo, sul quale era di nuovo presente una apertura laterale per la pressione diretta sul serbatoio. In questo caso si era ottenuta un fusto uniforme di forma cilindrica che non presentava fessure, neanche per l'alloggiamento della levetta.

In una forma simile, almeno sul piano estetico, questo sistema di caricamento venne adottato anche dalla Parker per l'aerometric usato nella 51 (che però prevede pressioni multiple per la presenza di uno sfiatatoio), mentre un sistema sostanzialmente identico viene utilizzato ancora oggi da alcuni converter (ad esempio quelli delle stilografiche Pilot di fascia bassa).

Brevetti correlati

  • Brevetto n° US-818803, del 1906-04-24, richiesto il 1905-06-08, di Otto E. Weidlich, Weidlich. Sistema di caricamento.