Difference between revisions of "Optima"

From FountainPen
Jump to: navigation, search
 
(One intermediate revision by the same user not shown)
Line 5: Line 5:
 
[[File:Aurora-Optima-Series-Capped.jpg|thumb|Una serie di [[Optima]]]]
 
[[File:Aurora-Optima-Series-Capped.jpg|thumb|Una serie di [[Optima]]]]
  
La [[Optima]] venne introdotta sul mercato dall'[[Produced by::Aurora]] nel [[Production started::1938]],<ref>la data non è del tutto sicura, si è usata quella indicata da Luca de Ponti, Letizia Jacopini indica invece il 1937, la penna comunque compare in un catalogo del 1938.</ref> era la risposta dell'azienda alla moda delle penne con corpo semitrasparente che consentiva la visualizzazione dell'inchiostro, lanciata dalla [[Parker]] con il modello [[Vacumatic]].  
+
La [[Optima]] venne introdotta sul mercato dall'[[Produced by::Aurora]] nel [[Production started::1938]],<ref>la data non è del tutto sicura, si è usata quella indicata da Luca de Ponti, Letizia Jacopini indica invece il 1937, la penna comunque compare in un catalogo del 1938.</ref> era la risposta dell'azienda alla moda delle penne con corpo semitrasparente che consentiva la visualizzazione dell'inchiostro, lanciata dalla [[Parker]] con il modello [[Vacumatic]].
  
 
La prima serie era caratterizzata da una ampia vera grecata ed una clip diritta identica a quella montata sulla seconda serie della [[Novum]]. Per pochi mesi venne prodotta una versione con banda più ampia, che per questo risulta estremamente rara. Nell'anno successivo venne prodotta una seconda versione con una clip triangolare con terminazione a pallina simile a quella della [[Internazionale]] e veretta più sottile.  
 
La prima serie era caratterizzata da una ampia vera grecata ed una clip diritta identica a quella montata sulla seconda serie della [[Novum]]. Per pochi mesi venne prodotta una versione con banda più ampia, che per questo risulta estremamente rara. Nell'anno successivo venne prodotta una seconda versione con una clip triangolare con terminazione a pallina simile a quella della [[Internazionale]] e veretta più sottile.  
Line 54: Line 54:
  
 
{{CronoModello|Optima}}
 
{{CronoModello|Optima}}
 +
 
== Riferimenti esterni ==
 
== Riferimenti esterni ==
* http://www.fountainpennetwork.com/forum/index.php?/topic/97865-aurora-optima-vintage-vs-modern
+
* [http://www.fountainpennetwork.com/forum/index.php?/topic/97865-aurora-optima-vintage-vs-modern] Discussione su FPN
 
== Note ==
 
== Note ==
 
<references/>
 
<references/>

Latest revision as of 23:55, 12 October 2019

Una Optima della ultima serie

Storia

Una serie di Optima

La Optima venne introdotta sul mercato dall'Aurora nel 1938,[1] era la risposta dell'azienda alla moda delle penne con corpo semitrasparente che consentiva la visualizzazione dell'inchiostro, lanciata dalla Parker con il modello Vacumatic.

La prima serie era caratterizzata da una ampia vera grecata ed una clip diritta identica a quella montata sulla seconda serie della Novum. Per pochi mesi venne prodotta una versione con banda più ampia, che per questo risulta estremamente rara. Nell'anno successivo venne prodotta una seconda versione con una clip triangolare con terminazione a pallina simile a quella della Internazionale e veretta più sottile.

Infine intorno al 1940 venne realizzata una terza versione dotata di una clip di forma leggermente triangolare ma con una terminazione piatta, una decorazione sul cappuccio più semplice, con solo con tre anellini sottili, ed un fondello con una decorazione metallica (nello stile dei jewel della Vacumatic). Non è nota una data di terminazione precisa, assumeremo il 1945, ma l'assunzione è totalmente arbitraria, senza alcun riscontro fattuale ed eseguita ai soli fini della gestione della cronologia.

Caratteristiche tecniche

Particolari del caricamento di una Optima

La Optima è una penna in celluloide semitrasparente dotata di caricamento a siringa rovesciata. Da questo punto di vista tecnico questa è la principale innovazione rispetto alla produzione Aurora precedente, ma la penna resta, per questa tipologia, piuttosto ordinaria e non si segnalano particolari innovazioni o variazioni rispetto a quanto realizzato da altri produttori. Il cappuccio era con chiusura a vite.

Materiali

La Optima venne realizzata esclusivamente in celluloide. Una delle caratteristiche delle serie iniziali è che la sezione è un tutt'uno con il corpo semitrasparente e non può essere smontata, cosa che ha provocato la rottura di molte penne da parte di riparatori non sufficientemente esperti. La penna era dotata di un pennino in oro a 14 carati e le finiture erano in metallo dorato, ma nella ultima serie era utilizzato anche il pennino in Platiridio e finiture cromate.

Sistema di riempimento

Tutte le versioni della Optima erano dotate di un sistema di caricamento a siringa rovesciata, sostanzialmente analogo a quello usato dalle altre aziende che adottavano questo sistema. La principale differenza risiede nel fatto che il fondello in questo caso non era solidalmente agganciato all'albero della siringa, ma serviva solo da copertura dello stesso.

Versioni

Le diverse versioni delle verette

Il modello Optima venne inizialmente prodotto in una sola misura ed in due soli colori marmorizzati, utilizzando forme leggermente affusolate. La penna era dotata di una ampia vera sul cappuccio, decorata con un motivo a forma di greca, compresa fra due sottili anelli. La clip era dritta con lavorazione sagomata, identica a quelle della Novum della seconda serie. Testina e fondello erano nello stesso materiale del corpo e senza decorazioni.

La veretta ampia venne abbandonata quasi subito per una più sottile, e venne prodotto, non è chiaro se immediatamente o in seguito, anche una seconda versione con la veretta grecata più sottile, sempre compresa fra due anellini, ma dotata di fermaglio a pallina con il corpo a forma di "V" allungata e la cima a forma di trapezio, molto simile a quella già vista sulla Internazionale. Anche in questo caso il fondello era nello stesso materiale del corpo e senza decorazioni.

Le versioni tarde del modello prodotte negli anni '40 presentano invece una decorazione sul cappuccio più semplice costituita da tre anellini sottili ed un fermaglio rastremato analogo a quello della terza serie della Novum. A questo si aggiungono delle decorazioni metalliche per la testa del cappuccio ed il fondello, dotati di un jewel molto simile a quello delle Vacumatic.

Tutte le penne presentano la stampigliatura del nome del modello e della marca sulla sezione, all'interno del solito logo ovoidale, con la dicitura "AURORA OPTIMA" disposta su due righe.

Colori

Il modello Optima venne prodotto inizialmente in due soli colori, verde e grigio marmorizzato. I modelli degli anni '40 vennero prodotti in celluloide venata o con motivi geometrici a strisce incrociate simili a quelli adottati sulla Ink-Vue della Waterman, nei colori nero, grigio, azzurro e verde.

Pennini

Le penne della prima serie montavano pennini di misura 5, quelle della serie prodotta successivamente negli anni '40 montavano pennini di misura 6.

Dimensioni

Versione Lunghezza Altre dimensioni / Descrizione
5" ? come è fatta

Cronologia

Anno Avvenimento
1938 l'azienda introduce le Optima
1939 l'azienda introduce la seconda versione della Optima, con clip triangolare
1940 l'azienda introduce la terza versione della Optima, con fermaglio rastremato, tre anelli e decorazioni metalliche alle estremità
1945 gli stabilimenti della Aurora vengono distrutti da un bombardamento

Riferimenti esterni

  • [1] Discussione su FPN

Note

  1. la data non è del tutto sicura, si è usata quella indicata da Luca de Ponti, Letizia Jacopini indica invece il 1937, la penna comunque compare in un catalogo del 1938.

Materiale disponibile