Difference between revisions of "Lever filler/en"

From FountainPen
Jump to: navigation, search
(Creata pagina con "As mentioned above, there are several different versions of this mechanism. For example, Waterman, in order to circumvent Sheaffer's patent, introduced, based on Barne...")
(Creata pagina con "A more efficient system, later used by other producers including Sheaffer itself, requires the lever to be held in place by a metal ring through it. This is inserted insid...")
Line 11: Line 11:
 
As mentioned above, there are several different versions of this mechanism. For example, [[Waterman]], in order to circumvent [[Sheaffer]]'s patent, introduced, based on Barnes's patent, a lever pivoted directly inside a metal cage that contained the entire mechanism. This in turn was fixed with fins to the pen, using as housing a special slit created in the barrel side.
 
As mentioned above, there are several different versions of this mechanism. For example, [[Waterman]], in order to circumvent [[Sheaffer]]'s patent, introduced, based on Barnes's patent, a lever pivoted directly inside a metal cage that contained the entire mechanism. This in turn was fixed with fins to the pen, using as housing a special slit created in the barrel side.
  
Un sistema più efficiente, utilizzato in seguito da altri produttori compresa la stessa [[Sheaffer]], prevede invece che la levetta sia mantenuta nella sua posizione tramite un anello metallico che la attraversa. Questo viene inserito all'interno della penna e mantenuto in posizione tramite una apposita scanalatura praticata internamente sul fusto, in corrispondenza dell'apertura laterale da cui alloggia la levetta stessa. Questo sistema presenta il notevole vantaggio di una maggiore robustezza meccanica, dato che non necessita di praticare fori per il perno nel materiale del fusto, che nelle penne in ebanite risultava spesso piuttosto fragile.  
+
A more efficient system, later used by other producers including [[Sheaffer]] itself, requires the lever to be held in place by a metal ring through it. This is inserted inside the pen and maintained in position by means of a special groove, made internally on the barrel in correspondence with the lateral opening from which the lever itself is housed. This system has the considerable advantage of greater mechanical strength, since it does not require drilling holes for the pin in the material of the barrel, which in ebonite pens was often quite fragile.  
  
 
Altre variazioni del sistema attengono alle modalità con cui la levetta esercita la pressione sul sacchetto: ad esempio la [[Eversharp]] non utilizzava una barretta flessibile ma una barretta piatta con i lati ripiegati ad "U", ancorata su un gancio sul fondo della penna. La levetta era dotata sull'estremità esterna di due punte che andavano ad alloggiarsi nel binario ricavato dalla ripiegatura della barretta, in modo da risollevarla in posizione di riposo una volta effettuato il caricamento, inoltre per mantenere bloccata la levetta in posizione di riposo questa era dotata di piccole sporgenze che andavano ad incastrarsi in apposite rientranze create nella fessura di alloggiamento.
 
Altre variazioni del sistema attengono alle modalità con cui la levetta esercita la pressione sul sacchetto: ad esempio la [[Eversharp]] non utilizzava una barretta flessibile ma una barretta piatta con i lati ripiegati ad "U", ancorata su un gancio sul fondo della penna. La levetta era dotata sull'estremità esterna di due punte che andavano ad alloggiarsi nel binario ricavato dalla ripiegatura della barretta, in modo da risollevarla in posizione di riposo una volta effettuato il caricamento, inoltre per mantenere bloccata la levetta in posizione di riposo questa era dotata di piccole sporgenze che andavano ad incastrarsi in apposite rientranze create nella fessura di alloggiamento.

Revision as of 01:10, 21 August 2019

The lever filler is probably the filling system most common among vintage pens (and has also been used, as a form of revival, by some modern manufacturers). Introduced massively to the market in 1912 by Sheaffer, who has always proclaimed its invention, it has been produced in countless variations and versions, many of which, often technically inferior, have been created only to circumvent the patent (nº US-896861) that covered the invention of Walter Sheaffer that originated in 1908.

Diagram of a pen with lever filler

In fact, the ancestry of Sheaffer is seriously under discussion; in fact, there are previous versions of this loading system, a Swedish Johansson patent from 1898 and an American Barnes patent (nº US-726495) from 1903, the presence of which has allowed other companies, such as Waterman, to use variants of the same system. However, the success of the system and its enormous diffusion can be attributed to the massive investments of Sheaffer.

In the case of the Sheaffer patent the mechanism involves the compression of the sac using a lever that press on an elastic metal bar (the so-called spring bar) shaped like a "J", this one is inserted in the body of the pen with the curved part towards the bottom so as to make to adhere the straight part on the barrel of the pen, in correspondence of the lever. In many cases the pressure on the sac is not directly exerted by the spring bar that is hooked to a pressure bar which is the one that is pressed against the bag.

In the rest position the lever is placed horizontally in a slot in the side of the pen body. In the original version of Sheaffer it was held in place by a thin metal pin that crossed it centrally, inserted directly into the shaft of the pen, which was drilled for the occasion. Lifting the lever from one side the other side pushes down the pressure bar, which thus compresses the sac.

As mentioned above, there are several different versions of this mechanism. For example, Waterman, in order to circumvent Sheaffer's patent, introduced, based on Barnes's patent, a lever pivoted directly inside a metal cage that contained the entire mechanism. This in turn was fixed with fins to the pen, using as housing a special slit created in the barrel side.

A more efficient system, later used by other producers including Sheaffer itself, requires the lever to be held in place by a metal ring through it. This is inserted inside the pen and maintained in position by means of a special groove, made internally on the barrel in correspondence with the lateral opening from which the lever itself is housed. This system has the considerable advantage of greater mechanical strength, since it does not require drilling holes for the pin in the material of the barrel, which in ebonite pens was often quite fragile.

Altre variazioni del sistema attengono alle modalità con cui la levetta esercita la pressione sul sacchetto: ad esempio la Eversharp non utilizzava una barretta flessibile ma una barretta piatta con i lati ripiegati ad "U", ancorata su un gancio sul fondo della penna. La levetta era dotata sull'estremità esterna di due punte che andavano ad alloggiarsi nel binario ricavato dalla ripiegatura della barretta, in modo da risollevarla in posizione di riposo una volta effettuato il caricamento, inoltre per mantenere bloccata la levetta in posizione di riposo questa era dotata di piccole sporgenze che andavano ad incastrarsi in apposite rientranze create nella fessura di alloggiamento.

La Conklin con la Endura introdusse una versione del caricamento in cui soltanto la metà della levetta che veniva sollevata era esposta esternamente, riducendo le dimensioni della fessura di alloggiamento della stessa. Inoltre il meccanismo utilizzato dalla Conklin, come quello della Eversharp non utilizzava una spring bar, ma una barra di pressione era incastrata direttamente sulla levetta tramite due piccoli gancetti all'interno della stessa, che andavano ad incastrarsi in una apposito aggancio sulla barra.

Una ulteriore variante degna di nota del sistema è quella della Carter, derivata da un brevetto (nº US-1209978) della De Witt-La France, che presenta una sorta di "guinzaglio" attaccato alla levetta che ne impedisce il ribaltamento una volta che questa ha raggiunto la posizione verticale, nell'ottica di evitare danneggiamenti alla penna ed al sistema.

Infine una particolare versione di riempimento a levetta è quello della Skyline della Eversharp, che potrebbe essere classificato anche fra i caricamenti a sfiatatoio. In tal caso infatti all'interno del serbatoio in gomma si ha uno sfiatatoio, e la spring bar è molto corta e volta a comprimere soltanto la parte finale del sacchetto. La penna viene caricata ripetendo più volte l'azione di pressione con la levetta, usando il principio classico dello sfiatatoio. Analogo a questo, anche se realizzato in maniera completamente diversa, è l'Ink-Vue della Waterman.

Brevetti correlati

  • Brevetto n° US-1249501, del 1917-12-11, richiesto il 1916-06-27, di Felix Riesenberg, Unbranded. Sistema di caricamento.
  • Brevetto n° US-1251421, del 1917-12-25, richiesto il 1915-11-29, di Felix Riesenberg, Unbranded. Sistema di caricamento.
  • Brevetto n° US-1267288, del 1918-05-21, richiesto il 1916-10-19, di Tagiro Tanimura, Swan. Sistema di caricamento.
  • Brevetto n° US-RE14474, del 1918-05-21, richiesto il 1918-03-28, di Felix Riesenberg, Unbranded. Sistema di caricamento.
  • Brevetto n° GB-118118, del 1919-09-08, richiesto il 1916-06-27, di Felix Riesenberg, Unbranded. Sistema di caricamento.