Difference between revisions of "Hatchet filler/en"

From FountainPen
Jump to: navigation, search
(Creata pagina con "The lever was hinged on one of its extremes (the stem of the "P") at the end of the slit, and returned with the protruding part inside the body of the pen, on the bottom of th...")
Line 3: Line 3:
 
[[Image:HatchetFillerHolland.svg|center|500px|Diagram of a pen with ''hatchet filler'']]
 
[[Image:HatchetFillerHolland.svg|center|500px|Diagram of a pen with ''hatchet filler'']]
  
La leva era incernierata su uno dei suoi estremi (il gambo della "P") in corrispondenza della fine della fenditura, e rientrava con la parte sporgente all'interno del corpo della penna, sul fondo della stessa. Per il caricamento la leva veniva estratta e ribaltata di 180°, per poter andare a premere sulla [[barra di pressione]] usando la parte sporgente; una volta portata la leva in posizione di pressione in sostanza il meccanismo diventa analogo al ''[[crescent filler]]'', con il vantaggio del non avere sezioni sporgenti (ma con lo svantaggio di una certa fragilità e complessità meccanica).  
+
The lever was hinged on one of its extremes (the stem of the "P") at the end of the slit, and returned with the protruding part inside the body of the pen, on the bottom of the same. For the filling the lever was extracted and tilted of 180°, to be able to go to press on the [[pressure bar]] using the protruding part; once brought the lever in position of pressure in substance the mechanism becomes analogous to the ''[[crescent filler]]'', with the advantage of not having protruding sections (but with the disadvantage of a certain fragility and mechanical complexity).  
  
 
Il secondo sistema è quello usato dalla [[Crocker]] intorno al 1910, in questo caso il fondello stesso è ancorato ad una leva, che alzata in posizione verticale va a comprimere il sacchetto. Per essere utilizzato il fondello veniva svitato, dopo di che si poteva azionare la leva. Tenendolo avvitato la leva veniva bloccata in posizione di riposo, evitando così pressioni accidentali.  
 
Il secondo sistema è quello usato dalla [[Crocker]] intorno al 1910, in questo caso il fondello stesso è ancorato ad una leva, che alzata in posizione verticale va a comprimere il sacchetto. Per essere utilizzato il fondello veniva svitato, dopo di che si poteva azionare la leva. Tenendolo avvitato la leva veniva bloccata in posizione di riposo, evitando così pressioni accidentali.  

Revision as of 02:08, 23 August 2019

In reality two completely different filling systems are called hatchet filler, as they were given this name by their respective manufacturers. The first is the one used by Holland from 1908 to 1912. The filling always involved the use of a pressure bar placed at a slit, except that in this case the slit was left open on one side, while on the other side a 'P' shaped lever was placed.

Diagram of a pen with hatchet filler

The lever was hinged on one of its extremes (the stem of the "P") at the end of the slit, and returned with the protruding part inside the body of the pen, on the bottom of the same. For the filling the lever was extracted and tilted of 180°, to be able to go to press on the pressure bar using the protruding part; once brought the lever in position of pressure in substance the mechanism becomes analogous to the crescent filler, with the advantage of not having protruding sections (but with the disadvantage of a certain fragility and mechanical complexity).

Il secondo sistema è quello usato dalla Crocker intorno al 1910, in questo caso il fondello stesso è ancorato ad una leva, che alzata in posizione verticale va a comprimere il sacchetto. Per essere utilizzato il fondello veniva svitato, dopo di che si poteva azionare la leva. Tenendolo avvitato la leva veniva bloccata in posizione di riposo, evitando così pressioni accidentali.

Entrambi questi sistemi si possono annoverare fra i vari tentativi di creare un sistema di compressione del sacchetto basato su meccanismi che si distinguessero da quelli brevettati dagli altri produttori. Data la relativa complessità realizzativa e la tutto sommato scarsa efficienza tecnica, entrambi non hanno avuto alcun seguito significativo. La loro rarità li rende però interessanti dal punto di vista collezionistico.

Brevetti correlati