Difference between revisions of "Columbus 65"

From FountainPen
Jump to: navigation, search
m (Sostituzione testo - "===Colori===" con "==Colori==")
(2 intermediate revisions by the same user not shown)
Line 1: Line 1:
==Storia==
+
=Storia=
  
 
Questo modello venne introdotto sul mercato dalla  [[Produced by::Columbus]] nella seconda metà degli anni '30, e costituisce una versione più economica rispetto ai modelli dotato di [[caricamento a cucchiaio]].
 
Questo modello venne introdotto sul mercato dalla  [[Produced by::Columbus]] nella seconda metà degli anni '30, e costituisce una versione più economica rispetto ai modelli dotato di [[caricamento a cucchiaio]].
Line 38: Line 38:
  
 
{{DimModelli}}
 
{{DimModelli}}
|-
+
{{RigaDimModelli
| 65
+
|Versione = Columbus 65
| 1x.x cm
+
|Lunghezza = 13,4 cm
| 1x mm il cappuccio, 11mm il corpo
+
|body=12,1 cm
|-
+
|posted=14,2 cm
|}
+
|d_body=11 mm
 +
|d_section=10 mm
 +
|weight=16 g
 +
|w_cap=8 g
 +
}}
 +
{{TabEnd}}
  
 
=Indice=
 
=Indice=

Revision as of 02:31, 27 February 2020

Storia

Questo modello venne introdotto sul mercato dalla Columbus nella seconda metà degli anni '30, e costituisce una versione più economica rispetto ai modelli dotato di caricamento a cucchiaio.

Lo stesso numero venne utilizzato per un modello a pennino carenato e caricamento a stantuffo, imitazione della Parker 51, prodotto nel dopoguerra.

Non sono note date precise né per l'introduzione di questo modello, né per la sua dismissione, si assumerà pertanto, in maniera arbitraria il 1937 come data di inizio produzione ed il 1965 come data di terminazione.

Caratteristiche tecniche

Le penne di questa serie non presentavano nessuna caratteristica tecnica particolare, se non l'utilizzo del più semplice caricamento a pulsante di fondo rispetto al caricamento a cucchiaio usato nei modelli di punta. Il cappuccio era con innesto a vite.

Le versioni del dopoguerra sono invece completamente diverse, con pennino carenato e caricamento a stantuffo, in questo caso vennero utilizzate materie plastiche ed un cappuccio con chiusura a vite per distinguersi da quella della Parker 51, cui la penna era chiaramente ispirata.

Materiali

Le penne di questa serie vennero realizzate in celluloide, con finiture e fermaglio in metallo laminato in oro, il pennino era in oro a 14 carati.

Le versioni carenate del dopoguerra erano realizzate in resina plastica, con finiture e fermaglio in metallo laminato in oro, il pennino era in oro a 14 carati.

Sistema di riempimento

Le penne di questa serie risalenti a prima della guerra erano equipaggiate con il caricamento a pulsante di fondo. Le versioni del dopoguerra erano dotate di caricamento a stantuffo.

Versioni

Esistono due versioni completamente diverse che usano la stessa numerazione, la versione degli anni '30 e quella del dopoguerra.

Colori

Le penne di questa serie vennero realizzate in una grande varietà di celluloidi diverse, ma non è noto un preciso elenco di colori.

Le versioni del dopoguerra vennero realizzate in resina plastica nera, non è noto se esistono altri colori.

Pennini

Le penne di questa serie utilizzavano i pennini di produzione italiana, per i dettagli sulle iscrizioni e la numerazione si consulti la pagina riassuntiva sui pennini Columbus.

Misure

Nella tabella seguente sono riportate le misure relative alla diverse varianti del modello, sia per quanto riguarda le lunghezze che il peso. I diametri per fusto e cappuccio sono misurati sul loro valore massimo, la sezione invece sul punto di presa, ed il diametro è quindi una indicazione approssimata. I pesi sono a penna scarica (o senza cartucce).

Versione Lunghezza Altre misure: lunghezze, diametri, pesi
Columbus 65 13,4 cm Lunghezze: 12,1 cm fusto and 14,2 cm calzata. Diametri: 11 mm fusto and 10 mm sezione. Peso: 16 g; 8 g cappuccio.

Indice

Cronologia

Anno Avvenimento
1937 l'azienda introduce una versione delle Columbus Extra con veretta liscia e fermaglio a freccia
1937 l'azienda introduce le Columbus 112 (data indicativa, sta per la seconda metà degli anni '30)
1937 l'azienda introduce sulle Columbus Extra una veretta più corta con decorazioni a scacchiera
1938 l'azienda introduce le Columbus 10x
1938 l'azienda introduce il caricamento a stantuffo
1940 l'azienda introduce le Columbus 25 (alcuni riportano la seconda metà degli anni '30)
1941 l'azienda introduce le Columbus 29
1942 la fabbrica Columbus viene distrutta da un bombardamento, la produzione viene spostata a Lesa
1946 l'azienda introduce le Columbus 13x (o 1948[1])
1946 l'azienda riavvia la produzione dalla fabbrica di Milano
1947 l'azienda introduce i modelli economici 52, 53 e 54 (data indicativa, indica il primo dopoguerra)
1948 l'azienda introduce le Columbus Extra 9x
1949 l'azienda introduce le Columbus Extra 40 (data indicativa, sta per la fine degli anni '40)
1951 l'azienda sposta la sede da via Lamarmora a via Trebbia
1952 l'azienda introduce le Columbus 70 (data indicativa, sta per l'inizio degli anni '50)
1955 l'azienda passa la produzione completamente ai modelli in plastica (data indicativa, sta per la metà degli anni '50)

Riferimenti esterni

  • nessuno per ora

Note

  1. sulla sezione storica del sito dell'azienda viene citata questa data, ma altri (come Letizia Jacopini in La Storia della Stilografica in Italia 1900-1950) riportano il 1948, limite inferiore dato da questa fattura.

Materiale disponibile