Waterman 4x

Da FountainPen.
Una Waterman 42 con rivestimento continentale

Storia

Una pubblicità del 1915

La Waterman viene considerata uno dei principali produttori del caricamento di sicurezza, denominato dall'azienda Safety Filler, la cui introduzione viene fatta risalire al 1907.[1] I primi modelli prodotti con questo caricamento vennero semplicemente identificati con questo nome, in seguito per le penne dotate con questo caricamento venne usata un numero di due cifre con un "1" nelle decine, seguito dalla misura del pennino e dalla lettera S posta di seguito al numero del modello. Unica eccezione era, come per gli altri caricamenti, la 20S, con pennino di misura 10. Altra eccezione la microscopica 000, detta anche "Doll Pen", la più piccola ed estremamente rara.

Le prime versioni, fino almeno al 1910, vennero prodotte con una filettatura sul fondello che consentiva di avvitare su questo il cappuccio quando la penna era utilizzata per scrivere, funzionalità usata anche dalla Kaweco per alcuni sui modelli. A partire dal 1912 questa filettatura scomparve ed il fondello divenne completamente liscio, ma non è nota una data precisa per la transizione.

Con il passaggio nel 1917 al nuovo sistema di numerazione che prevedeva numeri di tre cifra le penne con caricamento di sicurezza vennero contraddistinte dalla cifra 4 nella colonna delle decine; pertanto a partire da quell'anno le Safety Filler vennero identificate con numeri nella forma 4x, dove la cifra delle unità indicava la misura del pennino. Dato che la misura più comune fra i pennini era la numero 2, il più diffuso fra questi modelli era era appunto il modello 42, a cui si affiancano poi le misure maggiori.

Non è nota una data di terminazione precisa, assumeremo il 1945, ma l'assunzione è totalmente arbitraria, senza alcun riscontro fattuale ed eseguita ai soli fini della gestione della cronologia.

Caratteristiche tecniche

Le rientranti della Waterman considerate un po' il punto di riferimento per la produzione di questo tipo di penne, e sono state imitate in tutto il mondo. A parte il loro sistema di caricamento, le penne non presentano significative innovazioni tecniche rispetto alle altre prodotte in quel periodo. La chiusura del cappuccio, ermetica come per tutte le safety, è a vite. Le penne erano prodotte almeno inizialmente, senza clip, ma questa poteva essere montata ad incastro sull'esterno. La clip invece è comune per le versioni laminate di produzione europea.

Materiali

Si tratta, almeno inizialmente, di penne realizzate in ebanite cesellata di colore nero, a cui però vennero in seguito aggiunti modelli in ebanite mottled e modelli decorati con pregiati rivestimenti in metallo laminato oro o prezioso. I pennini sono sempre in oro a 14 carati.

Sistema di riempimento

I modelli a cui si fa riferimento sono quelli caratterizzati dall'uso del caricamento di sicurezza, denominato appunto Safety Filler, che consente il trasporto della penna con la massima sicurezza rispetto ad eventuali perdite di inchiostro, comuni nel periodo in cui vennero prodotte. Le pubblicità fanno riferimento a questi modelli con scene di scampagnate e scrittura all'aperto, e per la caratteristica di poter trasportare la penna in qualunque posizione senza rischi di perdite in caso di eventuali strapazzamenti.

Versioni

Una 42½ in perfette condizioni

La penna venne prodotta in diverse dimensioni, corrispondenti alle misure del pennino, riportato come valore della colonna delle unità nel numero identificativo della penna. Alle versioni ordinarie, identificate nel codice di identificazione del 1917 dalla cifra 4 nella colonna delle decine, si aggiungono le versioni più sottili, identificate dall'aggiunta del suffisso "½" al codice numerico, e quelle corte, identificate dall'aggiunta del suffisso "V".

Un discorso a parte meritano le versioni overlay, per le quali esistono innumerevoli varianti, sono in particolare di grande interesse le penne prodotte in Europa, dove i rivestimenti, in genere eseguiti da aziende locali su penne prodotte dalla Waterman, sono stati prodotti in grande varietà e con realizzazioni di assoluta eccellenza per il pregio del lavoro sia sul piano artigianale che artistico.

Colori

Il colore dominante resta quello dell'ebanite nera. A questa si affianca anche, molto più rara, l'ebanite fiammata, non mi sono note versioni in ebanite rossa.

Pennini

Le dimensioni dei pennini sono quelle standard dei modelli della Waterman di quel periodo, vale a dire le misure 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8. Un discorso a parte vale per la misura 10, che si trova solo sui modelli prima del cambio del sistema di numerazione, vale a dire che esiste solo per la 20S.

Dimensioni

Versione Lunghezza Altre dimensioni / Descrizione
12S 12 cm 1,19 cm medio, 1,01 impugnatura, 1,27 cappuccio

Cronologia

Anno Avvenimento
1907 l'azienda introduce la sua prima safety, denominata Safety Filler (o 1908)
1910 l'azienda introduce lo sleeve filler
1910 l'azienda rimuove la filettatura esterna del fondello sulle Safety Filler
1911 la Waterman completa l'acquisizione della Aikin Lambert
1912 la A. A. Waterman perde la causa intentata dalla Waterman e deve marchiare le sue penne come Not Connected with the L. E. Waterman Company
1913 l'azienda introduce il coin filler
1914 l'azienda dismette il coin filler
1915 l'azienda introduce il caricamento a levetta
1915 l'azienda dismette lo sleeve filler
1917 l'azienda introduce il nuovo sistema di numerazione
1923 l'azienda introduce l'ebanite screziata in color rosso/nero woodgrain
1926 l'azienda introduce l'ebanite rosso/nera rippled in colorazione ondulata
1927 l'azienda introduce la classificazione dei pennini con il codice a colori
1936 l'azienda immette sul mercato francese con la concessionaria JiF dei modelli con caricamento a cartuccia di vetro
1938 l'azienda introduce con la filiale francese JiF l'inchiostro azzurro "Blue des Mers du Sud"

Riferimenti esterni

Note

  1. David Nishimura, uno dei maggiori esperti dell'argomento, pone dei dubbi riguardo questa data non avendo trovato riferimenti a questo caricamento anteriori al 1908.

Materiale disponibile

… risultati successivi