Stephens

From FountainPen
Jump to: navigation, search
Stephens
Modelli ed altro
Pubblicità marca
Foto marca
Altri documenti
Brevetti

La "Henry C Stephens Ltd", con sede ad Aldersgate Street 57, a Londra, era un'azienda molto conosciuta nell'Inghilterra del primo dopoguerra. Nata nel 1832 con la denominazione di "Stephens' Ink Company" e tradizionalmente legata alla produzione di ottimi inchiostri, era riuscita a costruirsi, grazie alla qualità dei propri prodotti, una reputazione di serietà ed affidabilità.

Quando la società decise di lanciarsi nella commercializzazione di stilografiche, il mercato britannico era già maturo e la concorrenza piuttosto forte. Stephens aveva bisogno di una penna diversa dalle altre e di ottime caratteristiche, per distinguersi e confermare la propria reputazione. Non disponendo di impianti produttivi, si rivolse alla "Lang Pen Co. Ltd.", azienda del gruppo Lang - Curzon - Summit che allora poteva vantare stabilimenti in grado di rivaleggiare con tutti i maggiori produttori di stilografiche, inclusi i quattro "grandi" statunitensi.

Grazie al brevetto nº GB-442262, presentato il 1 Luglio del 1935 da William Livsey, un impiegato di Lang, la nuova stilografica, introdotta nel 1935, offriva un originale sistema di caricamento a pulsante di fondo azionabile senza asportare il fondello, eliminando così il rischio di perderlo come qualche volta invece capitava ai proprietari di stilografiche coeve, come la Parker Duofold. In più, l'operazione di caricamento si rivelava più semplice ed immediata.

Proposta in tre modelli (106, 76 e 56) indicanti le relative fasce di prezzo (10 scellini e 6 pence per il modello di punta, 7 scellini e 6 pence per quello intermedio e 5 scellini e 6 pence per il modello base), la nuova "Self filler" conobbe un successo insperato, tanto da far affermare a Sir Henry Greer, presidente del consiglio d'amministrazione, nel corso dell'assemblea societaria generale annuale del 1937: "nonostante sia difficile introdurre una nuova linea in un mercato così competitivo come quello delle stilografiche, le nostre hanno avuto successo ed il consiglio d'amministrazione ha la ferma intenzione di procedere su questa strada al meglio delle sue capacità". Proprio in quell'anno venne introdotto il nuovo modello "21", versione di lusso della medesima serie.

Con l'avvento della seconda guerra mondiale e le conseguenti restrizioni nella produzione di manufatti non bellici, tenendo anche conto delle minori disponibilità finanziarie delle famiglie, Stephens lanciò la sua "Leverfil", sempre prodotta da Lang: un modello più tradizionale articolato su diverse versioni, con alimentazione a levetta e, naturalmente, meno costoso.

Nel secondo dopoguerra, con l'avvento della penna a sfera, Stephens decise di uscire gradualmente dal mercato delle stilografiche, dando spazio al nuovo strumento di scrittura e concentrandosi sugli inchiostri. Una serie di contatti con Waterman sfociò, nel 1965, nell'acquisizione della realtà inglese del prestigioso marchio. Nel 1968 Stephens fu acquisita dal Royal Sovereign Group.

Fonte principale: Stephen Hull, "The English Fountain Pen industry – 1875 / 1975”, 2011

Riferimenti: [1] [2], [3]

Materiale disponibile:
Fatti riguardanti Stephens
Brand countryUK +
Brand official nameHarry C. Stephens Limited +
Founded byHarry C. Stephens +
Founded inLondra +