Parker 21

Da FountainPen.

Storia

Il modello 21 venne introdotto da Parker nel 1948, e rimase in produzione all'incirca fino al 1965. Fu ideato, come solito della Parker, per coprire la fascia bassa del mercato, cercando in qualche modo di far avere anche a coloro con meno possibilità economiche una penna quanto più rassomigliante alla Parker 51.

La penna, nel corso della sua permanenza sul mercato, fu rivisitata a causa di alcuni problemi nel 1952 si passò infatti da un primo modello (Mark I) che presentava all'interno della sezione uno spazio cavo per poter contenere più inchiostro, ad un modello (Mark II) che non presentava questa caratteristica a causa delle eventuali perdite d'inchiostro, rendendo i pezzi delle due versioni incompatibili tra loro ad eccezione di pennino ed alimentatore (che, tra l'altro, non erano in alcun modo simili per forma a quelli della Parker 51).

Nello stesso anno, furono introdotti dei modelli di classe leggermente maggiore: il modello Custom con un cappuccio Gold Filled ed il modello DeLuxe con il cappuccio cromato e le finiture in oro; l'anno successivo, il 1953, venne introdotto il modello Super, che a differenza del modello 21 presenta la tipica clip a freccia (sebbene meno elaborata e con un design presente anche sulla Parker 45), ed il modello stiloforo; nel 1958 invece venne introdotta la tipica finitura Flighter, in acciaio con una sezione rossa. Ci sono anche evidenze di un modello demonstrator.

Il tramonto del modello si iniziò a scorgere dal 1960 con l'introduzione del modello 45, che ottenne il favor del popolo per il sistema a cartuccia ed un pennino in oro ad un prezzo inferiore, a dispetto del pennino in "octanium" della Parker 21, infine dismessa nel 1965.

Caratteristiche tecniche

Materiali

Il materiale che venne sfruttato per la penna, in vece del poter servire la fascia più bassa del mercato, è il polistirene, che ai tempi era molto facile da utilizzare per lo stampaggio ad iniezione della penna. Il materiale, usato anche sul modello 61, si è dimostrato col tempo abbastanza fragile e prono alla rottura ed alla deformazione nei pressi della sezione (data principalmente dal sistema di chiusura del cappuccio). Nella versione Super venne usato una plastica chiamata dalla Parker stessa "X-100", di cui però non si conosce la reale composizione.

Sistema di riempimento

Sulla falsariga della sorella più grande, la Parker 51, veniva sfruttato una sorta di sistema Aerometric, che contiene circa 0,8 ml di inchiostro.

Versioni

Colori

I colori della penna dal lancio fino al 1952 erano nero, rosso, verde, blu, marrone (indicati con i corrispettivi inglesi), dal 1952 fino al declino erano nero, rosso, verde, blu, Charcoal Grey, marrone (come sopra).

Pennini

Dimensioni

Versione Lunghezza Altre dimensioni / Descrizione
21 133 mm Fusto e sezione in polistirene, cappuccio in alluminio, clip senza freccia.

Cronologia

Anno Avvenimento
1948 l'azienda introduce le Parker 21
1952 l'azienda introduce la seconda versione (Mark II) della 21
1957 la divisione strumenti di scrittura della Eversharp viene ceduta alla Parker
1965 l'azienda dismette le Parker 21

Riferimenti esterni

Note

Materiale disponibile