Saratoga

Da FountainPen.
(Reindirizzamento da Inco)
Saratoga
Pubblicità marca
Foto marca

La nascita di questa azienda origina dalle attività dell'ing. Edoardo Russo Webber, attivo sul mercato italiano della stilografica fin dal 1916 come concessionario italiano della Parker, ed in seguito anche della Astoria, della quale registrò i marchi in Italia (Reg. Gen. N. 27479, Reg. Gen. N. 27562 e Reg. Gen. N. 27563). Nel corso degli anni '30[1] la concessione esclusiva venne però ritirata per motivi non del tutto chiari (è stata avanzata l'ipotesi di una produzione non autorizzata di modelli Parker in Italia commissionati alla Omas), ed egli si associò a Virginio Mengoni, proprietario di un affermato negozio di cartoleria di Milano, dando vita al marchio Saratoga, come testimoniato dalla prima registrazione nota del marchio del gennaio 1941 (Reg. Gen. N. 63047) fatta in comune e dall'uso della particolare clip a freccia la cui forma era stata stata registrata qualche mese dopo da Mengoni (Reg. Gen. N. 63465).

La produzione iniziale della Saratoga, introdotta sul mercato nel 1936,[2] prevedeva tre modelli di qualità, chiaramente ispirati alla Vacumatic della Parker, denominati Maxima, Medium e Standard. I modelli usavano un sistema di caricamento a sfiatatoio analogo a quello del modello imitato,[3] ed erano realizzati in celluloide semitrasparente, che da qualcuno viene attribuita alla Omas essendo le celluloidi e la lavorazione analoghe a quelle usate per i modelli Minerva Classica.[4]

Si trattava di modelli di alta qualità, con pennino in oro bicolore e clip a freccia molto simile a quella della Parker (ma con la parte terminale piatta, come nel marchio citato), che ebbero un buon successo. I due modelli di fascia più alta, Maxima e Medium sono sostanzialmente identici e differiscono solo per le dimensioni. Il modello Standard è di fattura meno pregiata, e negli anni '40 venne anche commercializzato con il marchio Inco (Reg. Gen. N. 63398, registrato anche questo da Mengoni) usato anche per i calamai di inchiostro.

Agli inizi degli anni '40 la società fra Webber e Mengoni si sciolse, presumibilmente alla fine del 1941, quando Webber registrò a suo nome il marchio Saratoga (Reg. Gen. N. 64297), in precedenza registrato insieme a Mengoni, ed ebbe anche termine la produzione delle penne da parte di Omas. Edoardo Russo Webber continuò a produrre stilografiche, affidandosi a produttori di minor pregio con un corrispondente calo di qualità delle penne. Nel dopoguerra produsse altre penne, marcate Saratoga-Webber, con caricamento a stantuffo. La produzione andò avanti con modelli a pennino coperto, chiara imitazione delle Parker 51, molto simili agli analoghi prodotti della Radius. Esistono tracce dell'uso del marchio Saratoga almeno fino al 1973 nel rinnovo della registrazione dello stesso.

Anche Mengoni continuò una sua produzione di penne, marchiate in questo caso Saratoga's, sempre di bassa qualità e rivolte al mercato economico, prodotte presumibilmente nel distretto di Settimo Torinese, con stilofori e modelli con caricamento a stantuffo. L'attività proseguì fino al 1957, anno di chiusura delle attività della azienda di Mengoni.

Riferimenti esterni

  • [1] Catalogo del 1938, disponibile presso il sito della PCA (Pen Collectors of America) e l'Internet Archive

Note

  1. il periodo non è del tutto sicuro, dato che almeno fino a dicembre del 1941 si trovano (su L'Illustrazione Italiana) delle pubblicità Parker che riportano la dicitura "Ing. E. Webber & C. Viale Petrarca 24 Milano".
  2. si fa riferimento per questa data, come per altre informazioni, a quanto riportato da Letizia Jacopini nel suo libro "La storia della stilografica in Italia", le tre varianti comunque compaiono in un catalogo del 1938.
  3. inventato, secondo quanto riporta Letizia Iacopini, da Nannelli, e acquistato da Webber.
  4. al solito non esiste nessuna documentazione certa di una tale relazione, che aleggia anche su molti altri marchi.