Dinkie 540

From FountainPen
Jump to: navigation, search

Storia

Il modello Dinkie 540 venne introdotto sul mercato dalla Conway Stewart negli anni venti, assumeremo per i fini della cronologia il 1925.[1] Il modello venne dismesso all'incirca nel 1942. Il modello presenta numerosissime varianti, la cui cronologia di introduzione è del tutto incerta.

Caratteristiche tecniche

Si tratta di penne tecnicamente ordinarie, che han subito diverse evoluzioni nell'uso dei materiali. Essendo tutte penne di piccole dimensioni sono senza fermaglio, alcune presentano un anello sulla testa del cappuccio.

Materiali

La penna era realizzata in diversi materiali, ebanite, galalite e presumibilmente anche celluloide. Il pennino è in oro a 14 carati.

Sistema di riempimento

La penna è dotata di caricamento a levetta ordinario, la levetta ha una terminazione tonda su cui è stampigliato un logo formato dalle lettere CS.

Versioni

Si tratta come per tutte le Dinkie di un modello di piccole dimensioni.

Colori

Per questo modello noti i seguenti colori:[2] da fare


Pennini

La penna monta pennini ... da fare

Dimensioni

Versione Lunghezza Altre dimensioni / Descrizione
Dinkie 540 9 cm cappuccio: 4 cm, corpo + sezione: 7.1 cm

Cronologia

Anno Avvenimento
1927 l'azienda brevetta ed immette sul mercato un caricamento a pulsante di fondo
1934 l'azienda introduce la celluloide Cracked Ice
1935 l'azienda si ristruttura diventando società per azioni
1935 l'azienda introduce il fermaglio a punta di diamante

Riferimenti esterni

  • [1] Paragrafo dal sito di Jonathan Donahaye
  • [2] Paragrafo dal sito Penultimate

Note

  1. la data di introduzione è incerta, sul sito di Jonathan Donahaye viene indicato dubitativamente il 1931 e poi si indicano modelli come degli anni '20, su Penultimate non viene indicata per cui si è indicato il 1925 come puramente indicativo del periodo; entrambi concordano sulla data di dismissione, in nessuno dei due casi è specificato come la datazione è stata stabilita.
  2. si sono utilizzate le denominazioni trovate sul sito di Jonathan Donahaye segnalato nei riferimenti.

Materiale disponibile